Love Me Do - Lem56

Vai ai contenuti

Menu principale:

Love Me Do

contemporanea > Beatles > Songs
 
 
 
 
 
 

Love Me Do  

McCartney (voce, basso), Lennon (voce, armonica a bocca), Harrison (chitarra acustica), Starr (batteria).
Registrata il 6 giugno 1962
Pubblicata il 5 ottobre 1962 (in Italia non uscì come 45)

Love Me Do/Dai Amami
La facciata A del primo disco ufficiale dei Beatles è da attribuire principalmente a Paul, John collaborò al middle/eight. La prima stesura risale in realtà alla fine degli anni '50, quando il gruppo si chiamava Quarry Men. Il testo, pur nella sua assoluta semplicità conteneva i temi e i cliché che avrebbero caratterizzato la produzione dei primi anni. Una novità è rappresentata senz'altro dal loro sound. Un suono che riuscivano a cavare utilizzando una strumentazione scarna ma che sapeva trasmettere una carica emotiva eccezionale ad un pubblico sempre più delirante e ahimè, urlante. Gli strumenti utilizzati erano pochi (due chitarre, un basso e la batteria). Via i fiati e il famigerato assolo di sax, via qualsiasi riferimento all'orchestra classica ma via anche gli strumenti poveri dello skiffle, come l'asse da lavare o il basso a una corda. Il ritmo è incalzante, le voci incredibilmente fresche. Ascoltando i pezzi registrati per le trasmissioni radiofoniche della BBC (a quel tempo tutte le trasmissioni erano registrate in diretta in appositi teatri, alla presenza del pubblico, e poi erano trasmesse in differita) ci rendiamo conto di come il rock and roll americano fosse penetrato nei loro cervelli, ma anche di come ne uscisse completamente rinnovato. Basterà ascoltare alcune delle decine di cover realizzate dai quattro per sentirne la differenza, al punto da non credere che il pezzo, suonato dai Beatles, possa essere lo stesso dell'originale. Su tutti ricordiamo Twist and shout di Medley-Russel cantata dagli Isley Brothers. L'interpretazione dei Beatles sarà così sconvolgente da far sì che questa canzone passi alla storia della musica come l'urlo del rock. La novità Beatles non era solo nel diverso sound, assolutamente nuovo era il fatto che le canzoni fossero scritte dagli stessi interpreti. Tutto questo è insolito poiché, in quegli anni, era in uso, presso tutte le case discografiche, appoggiarsi a compositori professionisti che scrivevano pezzi appositamente per gruppi e cantanti. Infatti, George Martin, il loro produttore discografico, propose ai Beatles, per il loro primo disco, un pezzo di Murray How Do You Do It. Rifiutarono e imposero le loro canzoni dando il via ad una nuova stagione del pop: il beat.

Lyric
Love, love me do,
You know I love you.
I'll always be true
So please love me do, who-ho love me do.
Love, love me do,
You know I love you.
I'll always be true
So please love me do, who-ho love me do.
Someone to love, somebody new.
Someone to love, someone like you.
Love, love me do, You know I love you.
I'll always be true
So please love me do, who-ho love me do.
Love, love me do,
You know I love you.
I'll always be tnit
So please love me do, who-ho love me do
Yes, love me do, who-ho love me do
Yes, love me do

Traduzione
Amami, dai amami,
Sai che ti amo.
Sarò sempre sincero
Allora per piacere amami, uoh-oh dai amami.
Amami, dai amami,
Sai che ti amo.
Sarò sempre sincero
Allora per piacere amami, uoh-oh dai amami.
Qualcuno da amare, qualcuno di nuovo.
Qualcuno da amare, qualcuno come tè.
Amami, dai amami,
Sai che ti amo.
Sarò sempre sincero
Allora per piacere amami, uoh-oh dai amami.
Amami, dai amami,
Sai che ti amo.
Sarò sempre sincero
Così per piacere amami, uoh-oh dai amami.
Sì, dai amami, uoh-oh dai amami.
Sì, dai amami.

 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu