Help! - Lem56

Vai ai contenuti

Menu principale:

Help!

contemporanea > Beatles > Long Playng
 
 
 
 
 
 

Help!

Pubblicato il 6 agosto 1965 (mono - stereo)

Riedito in CD rimasterizzato (ADD)
Nuovo CD rimasterizzato con interventi sulle dinamiche del mix originale (ADD) [9/9/2009]
Registrato tra il febbraio e il giugno del 1965

Help! - The night before - You've got to hide your love away - I need you - Another girl - You're gonna lose that girl - Ticket to ride - Act naturally - It's only love You like me too much  -Tell me what you see - I've just seen a face - Yesterday - Dizzy Miss Lizzie

Il 1965 sembra ripercorre le tappe dell'anno precedente: tournée - dischi - film - successo - beatlemania che negli USA toccò livelli d'isteria del tutto esagerati.
Ora sono i Beatles a sentirsi diversi. Dopo due anni passati a cavalcare l'onda ora si sentono soffocati. Così Help! acquista un significato che va ben al di là del titolo e del film/disco in programmazione.

Il film non poteva che essere diverso da A hard day's night sia per il budget, ben più consistente sia perché i quattro ci avevano mostrato di preferire un processo creativo che li portasse a sperimentare novità più che affrancare modelli (questo modo di fare diventerà, col tempo, maniacale tanto che John pretenderà dai tecnici di sala che la sua voce "suonasse" diversa per ogni canzone). Volevano fare qualcosa di diverso rispetto A hard day's night ma questa volta la collaborazione con Richard Lester non produrrà lo stesso effetto. Si passa dal genere documentario alla fiction di pura e semplice fantasia. A parte qualche memorabile sequenza, vedi quella sulla neve in Austria, il film, girato a colori, è pervaso di sincera ironia e di giochi surreali (stile Harpo dei fratelli Marx) ma è debole, tende a perdersi a livello narrativo tant'è che il finale alle Bahamas è più una scelta dettata dal desiderio di fare una vacanza che da vere necessità di copione. Sono i Beatles, chi poteva dire di no! Alla fine l'esperienza del film non piacque, infatti non ne fecero più.

Il Lp è costituito da 12 pezzi originali, due dei quali di Harrison (I need you, una bellissima ballata acustica e You like me to much) e due cover. Una di queste, Act naturally, un pezzo country, fu scelta da Ringo poiché non aveva una canzone da cantare. Negli USA ebbe un successo che va ben al di là del suo reale valore. L'altra, Dizzy Missy Lizzy, un'esecuzione di maniera.

Le prime 7 canzoni costituirono la colonna sonora del film Help!
Secondo alcuni critici non tutto il materiale è di livello eccelso (R.Carr). Forse è vero a posteriori se poniamo di fronte a noi tutta la produzione della coppia Lennon-McCartney degli anni futuri. Cronologicamente no. La fase è interlocutoria ma si vede già la strada che porta alla prossima ricerca in sala di registrazione: evidente nell'uso sempre più frequente delle sovraincisioni e nella ricerca timbrica, attraverso l'uso di strumenti inusuali per la musica beat (si pensi al quartetto d'archi per Yesterday).
Il sound è meno rock and roll è più intimo. Frequente è l'uso di strumenti acustici, che sarebbero stati non udibili durante un concerto! per le continue urla del pubblico. In particolare useranno una chitarra folk della Gibson che, in seguito, verrà chiamata da tutti i musicisti: Beatles.
Sette sono le ballate più o meno acustiche del disco, da You've got to hide your love away, che con il suo 12/8 fa il verso ad Another Side di Bob Dylan, a I've just seen a face che Paul scrisse basandosi su una semplice progressione armonica.

Sembra un Lp folk-rock, lo stile avviato da Dylan e proseguito dai Byrds che erano la risposta USA alla "Britisch Invasion", questo la dice lunga su come i quattro fossero attenti al panorama musicale internazionale. Il disco uscì preceduto a febbraio dal singolo Ticket ti ride cui seguì il 45 Help! Forse la prima canzone autobiografica di John: si sentiva/vano soffocati dalla beatlemania, il loro desiderio di fare musica veniva ignorato da un pubblico urlante che assisteva ai loro concerti solo per vederli, come se fossero animali da esibire in pubblico e il loro grido fu HELP!

 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu