Ragtime - Lem56

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ragtime

contemporanea > Jazz
 
 
 
 
 
 

Ragtime

Il ragtime si fece largo nel panorama musicale statunitense intorno al 1893, quando sarà utilizzato come supporto musicale ai Minstrels, spettacoli popolari che con i Cake Walk rappresentarono lo svago più diffuso degli americani alla fine dell'800.

Il ragtime è una composizione d'autore, scritta per il pianoforte, s’ispira alla tradizione nera ed è completamente definito sulla carta: spartito. Rappresenta uno dei padri del jazz: le prime brass band utilizzarono le melodie popolari del ragtime come linea guida per le loro performance.

Il ragtime ha una struttura musicale formata da 4 temi di 16 battute che seguono, solitamente, la successione AABBACCDD. È una struttura riconducibile alle forme classiche della musica senza, per altro, imitarne nessuna (schemi simili al minuetto sembrano essere casuali). Il tempo è in 2/4: quello della marcia.
Una caratteristica del ragtime è il gioco sincopato tra la mano sinistra e quella destra. L'effetto che si ottiene è di una poliritmia che ha origine dai ritmi africani e caraibici.

Il ragtime ebbe un grande successo. Uno degli interpreti più noti e prolifici di ragtime fu Scott Joplin (1867 Linden (Texas) - 1917 New York) che definì compiutamente la forma di questo genere musicale.
Joplin aveva lavorato nei locali malfamati di Sedalia, Missouri prima di trasferirsi a New York dove avrebbe raggiunto il successo vendendo milioni di copie dei suoi spartiti: Bethena, Maple Leaf Rag, The Entertainer, solo per citarne alcuni tra i più noti.

All'inizio del XX° secolo tutti suonavano il ragtime e ovunque: dalle sale da ballo "bene" delle grandi città dell'est agli sgangherati saloons della frontiera con i caratteristici pianisti con bombetta, camicia a righe e sigaro all'angolo della bocca sostituiti, a volte, da pianoforti con rulli meccanici accompagnavano il chiasso degli avventori.
Il fenomeno musicale fu così importante da solcare l'oceano suscitando l'interesse dei compositori europei. Nel 1907 Debussy scrisse brano Golliwogg's cake-walk e Stravinsky nel 1918 compose due ragtime uno per il balletto L'Histoire du Soldat  
, l'altro per 11 strumenti .

Joplin aveva fatto studi musicali regolari che gli furono d'aiuto a perfezionare la tecnica pianistica del ragtime e lo spinsero, all'apice del successo, a comporre un'opera lirica "Treemonisha" (1911) rappresentata nel 1915 ad un pubblico di neri scelti che non seppe apprezzarne il lavoro. Nel 1972 sarà curata una nuova edizione grazie all'interessamento del direttore Gunther Sculler che si occupò dell'orchestrazione.
Gli ultimi anni di vita di Scott Joplin furono segnati da una terribile neurosifilide. La malattia, implacabile e spietata, contratta nel 1890, fu la diretta responsabile del declino artistico e fisico del compositore che morì quando il ragtime era ormai al crepuscolo, sostituito dalla nascente musica jazz.

Altri abili compositori di rag furono James Scott, il bianco Joseph Lamb, Tom Turpin, Louis Chauvin e Ben Horney anch'esso bianco. Chi invece, introdusse novità al genere, sarà Jelly Roll Morton che negli anni venti non si limiterà a scrivere nuovi ragtime, ma li orchestrerà suonandoli con la sua band i Red Hot Peppers (Wolverine blues).

 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu