Hey Jude - Lem56

Vai ai contenuti

Menu principale:

Hey Jude

contemporanea > Beatles > Songs
 
 
 
 
 
 

Hey Jude    

McCartney (voce, pianoforte, basso) Lennon (chitarra solista) Harrison (cori, chitarra solista) Starr (cori, batteria, tamburino)
10 violini, 3 viole, 3 violoncelli, 2 contrabbassi, 2 flauti, 2 clarinetti, 1 clarinetto basso, 1 fagotto, 1 controfagotto, 4 trombe, 2 corni, 4 tromboni, 1 percussione, per tutti cori e battiti di mani: musicisti non accreditati.
Registrazione 29/30/31 luglio, 1 agosto 1968
Pubblicazione 30 agosto 1968 (in Italia il 19 agosto)

Hey Jude
Hey Jude, il primo disco della Apple, una delle grandi hits dei Beatles è di Paul. L'idea gli venne mentre guidava alla volta di Weybridge, andava a trovare Cynthia e il figlio Julian dopo la separazione con Lennon, si trovò a cantare Hey Jules (richiamandosi probabilmente al bambino). Trasformò quindi il nome in Jude, cercava un'assonanza "più country-western". Tale scelta generò una delle tante interpretazioni fantasiose per opera della critica e del pubblico. Paul per pubblicizzare il titolo fece fare una scritta a grandi lettere sulle vetrine della boutique della Apple, all'epoca già fallita. Un'innocente leggerezza di Paul? dimentica la possibile confusione tra Jude e Judeo, ovvero tra un nome proprio e Judeo-Giudeo. Naturalmente chi voleva farsi pubblicità alle spalle dei Beatles trovò il modo di leggere la cosa come un'azione antisemita! ci fu addirittura chi accusò Paul di filonazismo! (un mattone infranse una vetrina del negozio).
Hey Jude ha una chiave di lettura ben diversa, John la considerava indirizzata a lui, cogliendo in frasi come "go out and get her" (per andare fuori a prenderla) tutta l'amarezza di Paul nell'accorgersi di aver perso l'amico a causa di Yoko Ono.
Il testo, pur nella sua linearità, presenta un passaggio relativamente oscuro nel verso "The movement you need is on your shoulder" (Il movimento che ti serve è sulla tua spalla). Era stato messo come riempitivo in una versione provvisoria fatta ascoltare a Lennon, il quale, entusiasta per questo nonsense, convinse Paul a mantenerlo.
La melodia è di una straordinaria cantabilità, ci mostra un McCartney musicista maturo e sicuro, non a caso negli ultimi anni i grandi successi sono tutti legati a sue idee musicali (Penny Lane, Hello, goodbye, Lady Madonna, Hey Jude, Get back, Let it be, The long and winding road). La canzone poggia su due temi, il secondo più spezzato (note ribattute) del primo con un finale coinvolgente. Lo stile del canto è vagamente gospel.
L'arrangiamento è molto curato e con l'aiuto della tecnica della sovraincisione, si sviluppa attraverso l'aggiunta di strumenti in una sorte di crescendo sonoro che avrà la sua apoteosi nel "continuum" del finale. Inizialmente la chitarra aveva un ruolo più importante nell'accompagnamento ritmico-armonico, poi si preferì il pianoforte. Il pezzo attacca solo con voce e pianoforte, alla ripetizione della strofa si aggiunge un tambourine e subito dopo il coro armonizza con vocalizzi. Con il secondo tema si aggiunge il basso e la batteria, generando una sorpresa che ci risulta essere nata dal caso: Ringo era in ritardo, la registrazione iniziò senza di lui, obbligandolo ad aggregarsi al secondo tema. Con la ripresa della strofa si aggiunge una seconda voce principale, poi l'orchestra, che attraverso semplici e ampi accordi, ci porta a quel lunghissimo finale, record per la musica del tempo, che con cori e battimani ci invita, ci spinge verso una partecipazione diretta, come fossimo veramente presenti. I Beatles ci riprovarono con All You Need Is Love senza ottenere lo stesso risultato.
McCartney userà spesso Hey Jude come pezzo finale dei sui tour dirigendo il pubblico nel coro conclusivo.

Lyric
Hey Jude, don't make it bad,  
Take a sad song and make it better,
Remember to let her into your heart,
Then you can start to make it better.
Hey Jude don't be afraid,
You were made to go out and get her,
The minute you let her under your skin,
Then you begin to make it better.
And anytime you feel the pain,
Hey Jude refrain,
Don't carry the world upon your shoulders.
For well you know that it's a fool,
Who plays it cool,
By making his world a little colder.
Hey Jude don't let me down,
You have found her now go and get her,
Remember (Hey Jude) to let her into your heart,
Then you can start to make it better.
So let it out and let it in
Hey Jude begin,
You're waiting for someone to perform with.
And don't you know that it's just you,
Hey Jude, you 'll do,
The movement you need is on your shoulder.
Hey Jude, don't make it bad,
Take a sad song and make it better,
Remember to let her under your skin,
Then you'll begin to make it better.
Better, better, better, better, better, ah!
Nah, nah, nah...
Hey Jude.
Nah, nah, nah...
Hey Jude...

Traduzione
Ehi Jude, non prendertela,  
Prendi una canzone triste e rendila migliore,
Ricordati di riporla nel tuo cuore,
Allora puoi cominciare a renderla migliore.
Ehi Jude non aver paura,
Sei fatto apposta per andare fuori a prenderla,
Nell'attimo in cui la lasci penetrare sotto la pelle,
Allora cominci a renderla migliore.
E ogni volta che provi dolore,
Ehi Jude fermati,
Non portare il peso del mondo sulle tue spalle.
Perché sai bene che è sciocco,
Chi fa l'indifferente,
Rende il suo mondo un po' più freddo.
Ehi Jude non mi deludere,
L'hai trovata ora vai a prenderla,
Ricorda (Ehi Jude) di lasciarla penetrare nel tuo cuore,
Allora puoi cominciare a renderla migliore.
Perciò lasciala uscire ed entrare
Ehi Jude comincia,
Stai aspettando qualcuno con cui suonarla.
E non sai che sei proprio tu?
Ehi Jude, lo farai,
stai aspettando qualcuno con cui suonarla.
Ehi Jude, non prendertela,
Prendi una canzone triste e rendila migliore,
Ricorda di lasciarla penetrare sotto la pelle,
Allora comincerai a renderla migliore.
Migliore, migliore, migliore, migliore, migliore, ah!
Nah, nah, nah...
Ehi Jude.
Nah, nah, nah...
Ehi Jude....

 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu